Skip to content

Curiosità, consigli e approfondimenti da bere tutti d’un fiato

Non solo acqua: il legame tra luna e maree esiste?

Non solo acqua: il legame tra luna e maree esiste?

SCIENZE

Attrazione di Sole e Luna

Da sempre la nostra stella, il Sole, e il nostro satellite naturale, la Luna, esercitano un fascino senza pari nell’immaginario umano: a essi si sono ispirati scrittori e poeti, e da sempre i contadini sanno che per un buon raccolto è necessario tenere d’occhio le fasi lunari. Dalla Luna, infatti, dipendono moltissimi fenomeni terrestri. Uno dei più spettacolari è quello delle maree, cioè l’alternarsi dell’innalzamento e dell’abbassamento del livello del mare, ben noto da migliaia di anni ai naviganti e agli abitanti delle zone costiere.

Era la fine del Seicento quando Isaac Newton formulò la legge di gravitazione universale, secondo la quale due corpi si attraggono in maniera direttamente proporzionale alle loro masse e inversamente proporzionale alla loro distanza elevata al quadrato. La legge di gravitazione universale spiega in maniera scientifica anche il fenomeno delle maree, che sono dovute proprio all’attrazione che la Luna e il Sole esercitano sulle acque di mari e oceani.

Maree giornaliere

Le variazioni periodiche del livello del mare si verificano con regolarità ogni 6 ore, sia nell’emisfero terrestre rivolto verso la Luna sia, per azione della forza centrifuga, nell’emisfero opposto. Nell’arco di circa 24 ore e 50 minuti (il tempo che la Terra impiega a fare un giro su se stessa) è possibile assistere a ben quattro maree: due basse (con un lieve innalzamento del livello delle acque) e due alte (con innalzamento maggiore).

Il livello raggiunto dalle acque dipende però anche dalla conformazione delle coste e dalla profondità dei fondali: per esempio, nei mari chiusi come il Mediterraneo, l’altezza massima della marea si aggira intorno a 1 metro, mentre negli oceani può superare anche i 18 metri di altezza. In Europa, uno degli esempi più spettacolari di innalzamento repentino delle acque, è quello di Mont-Saint-Michel, in Normandia: qui, con la bassa marea, il mare è a 15 km dalla costa, ma l’alta marea arriva a una velocità impressionante facendo aumentare il livello del mare di 15 metri!

Maree sigiziali e maree morte

Oltre alle maree giornaliere, esistono altri due tipi di maree: le maree sigiziali e le maree morte. Le maree sigiziali si verificano ogni due settimane, cioè durante le fasi di plenilunio e novilunio; si tratta di maree particolarmente accentuate perché avvengono quando la Terra, la Luna e il Sole sono allineati, e perciò la forza di attrazione del Sole e della Luna si sommano: le maree di Mont-Saint-Michel sono un evidente esempio di marea sigiziale.

Le maree morte invece sono meno accentuate delle altre e si verificano durante le fasi lunari di quadratura (primo e ultimo quarto di Luna), cioè quando le forze di attrazione tra Sole e Luna si annullano parzialmente perché Terra, Luna e Sole non sono allineati ma disposti come i vertici di un triangolo.
Indipendentemente dalla tipologia delle maree, per le popolazioni costiere è importante poter conoscere e prevedere gli orari esatti in cui il livello del mare si alzerà: tanto che molte amministrazioni pubblicano tavole in cui sono riportati i valori previsti per l’innalzamento delle acque e gli orari esatti in cui le maree si verificheranno.

Leggiamo insieme l’etichetta

Conosciamo le caratteristiche dell’acqua che beviamo, per capire se è quella giusta per noi.
Leggendo l’etichetta, scopriamo che Uliveto è un’acqua: mediamente mineralizzata, il suo residuo fisso è di 741 mg/l bicarbonato-alcalino-calcica, ricca sia di bicarbonato (578 mg/l) che di calcio (175 mg/l).

Effervescente naturale
Ciò significa che i minerali contenuti sono perfettamente bilanciati tra loro e svolgono attività biologiche utili 
al generale benessere dell’organismo, soprattutto 
nel trattamento dei disturbi gastrointestinali.

Uliveto è un’acqua bicarbonata, che aiuta la digestione e combatte la stipsi

Se bevuta durante i pasti accelera lo svuotamento gastrico e svolge un’utile azione anti acidità se bevuta a digiuno.

Uliveto è un’acqua ricca di calcio biodisponibile, utile per la salute delle ossa

Il calcio contenuto in Uliveto viene subito assorbito dall’intestino e quindi metabolicamente utile con una biodisponibilità pari a quella del calcio contenuto nel latte. L’acqua Uliveto può, quindi, contribuire all’integrazione dell’apporto di questo prezioso minerale, in tutte quelle condizioni in cui l’organismo sia esposto a un concreto rischio di inadeguato apporto di calcio come negli atleti, nei regimi alimentari ipocalorici, nelle intolleranze al latte e ai suoi derivati, in gravidanza e negli anziani

Uliveto è ricca di minerali utili per la re-idratazione prima, durante e dopo lo sport

È adatta a tutti gli sportivi, siano essi amatoriali, dilettanti o professionisti. L’acqua Uliveto risponde alle esigenze nutrizionali di chi fa attività fisica, reintegrando la quota idrico-salina persa durante la sudorazione (soprattutto il sodio) e corregge la tendenza all’acidosi.

Uliveto contribuisce al mantenimento di un fisiologico stato di salute.

Un’acqua che favorisce la digestione e l’assimilazione dei cibi ingeriti, una migliore funzionalità intestinale, che apporta minerali importanti, si può dire che sia anche un’acqua che aiuta, nel tempo, a mantenere l’organismo attivo ed efficiente contrastando il lento procedere dei meccanismi disfunzionali legati all’età.