Skip to content

Curiosità, consigli e approfondimenti da bere tutti d’un fiato

Le raffinate bottiglie dei primi del ‘900. Tutta l’eleganza dell’art nouveau

Le raffinate bottiglie dei primi del ‘900. Tutta l’eleganza dell’art nouveau

CURIOSITÀ

Tra le tante eccellenze del nostro Paese, l’artigianato del vetro è stato da sempre uno dei fiori all’occhiello del made in Italy. Dal nord al sud dello Stivale l’arte vetraria nostrana realizza da secoli prodotti di elevata qualità, soprattutto dal punto di vista della creatività.

 

La storia dell’arte vetraria

È ad Altare, piccolo paesino ligure in provincia di Savona, che l’arte vetraria pone le basi per un successo senza tempo. Si hanno infatti notizie già a partire dal 1100, quando una comunità benedettina decise di far arrivare dal nord della Francia alcuni artigiani per avviare laboratori del vetro.

A metà del Quattrocento l’arte vetraia si spinse oltre i confini della Liguria, e i maestri di Altare divulgarono il loro lavoro, per tutta l’Europa.

 

Le boccette di profumo di inizio ‘900

Se c’è però un momento in cui l’arte vetraria raggiunge l’apice di creatività e raffinatezza, è stato il periodo liberty, in italia denominato “stile floreale” perché i fiori erano il soggetto d’elezione degli artisti vetrai dell’epoca. Ne sono un esempio  le boccette dei profumi, videro una grande diffusione diventando di gran moda. Più che sulla bottiglia vera e propria però, le decorazioni floreali apparivano sull’etichetta e la confezione.

Nel 1907 l’arrivo dei primi atomizzatori “convinse” i produttori di profumi a creare bottiglie vuote con atomizzatori a bulbo, utili contenitori, certo, ma soprattutto elegantissimi. Uno dei profumi più famosi dell’epoca liberty fu il DeVilbiss, La confezione conteneva una bottiglia dalla forma sinuosa, sormontata da fiori di vetro e con atomizzatore a bulbo.

Sarà però con l’affermarsi della psicoanalisi e l’attenzione all’inconscio che pochi anni dopo, sulle boccette apparvero immagini oniriche, sogni e suggestioni. I produttori di profumo realizzarono persino essenze pensate per occasioni particolari (momenti diversi di una giornata, persone, stagioni dell’anno).

 

Le bottiglie più belle del periodo liberty

Anche lo champagne francese, la bollicina più famosa al mondo, non ha resistito al fascino dell’Art Nouveau: nel 1902 uno dei maestri vetrai più famosi, il francese Emile Gallé, decorò la più antica cuvée del mondo, il Perrier-Jouët La Belle Epoque, inserendo gli anemoni che ancora oggi rappresentano il simbolo della casa produttrice.

A oltre un secolo di distanza, l’artista giapponese Makoto Azuma ha omaggiato Gallé disegnando una bottiglia di Belle Epoque del 2004. Infine, non si può non menzionare lo statunitense Louis Confort Tiffany, figlio di uno dei gioiellieri più noti al mondo: i suoi mosaici di vetro legato a stagno, detto appunto vetro Tiffany, nel corso degli anni sono via via diventati sempre più famosi grazie a eleganti decorazioni con petali di fiori su panciuti flaconi o bottiglie dal collo lungo.

La consacrazione ufficiale di Tiffany risale al 1900, quando all’Esposizione Universale di Parigi sarà riconosciuto come il più importante esponente dell’Art Nouveau americana.

Leggiamo insieme l’etichetta

Conosciamo le caratteristiche dell’acqua che beviamo, per capire se è quella giusta per noi.
Leggendo l’etichetta, scopriamo che Uliveto è un’acqua: mediamente mineralizzata, il suo residuo fisso è di 741 mg/l bicarbonato-alcalino-calcica, ricca sia di bicarbonato (578 mg/l) che di calcio (175 mg/l).

Effervescente naturale
Ciò significa che i minerali contenuti sono perfettamente bilanciati tra loro e svolgono attività biologiche utili 
al generale benessere dell’organismo, soprattutto 
nel trattamento dei disturbi gastrointestinali.

Uliveto è un’acqua bicarbonata, che aiuta la digestione e combatte la stipsi

Se bevuta durante i pasti accelera lo svuotamento gastrico e svolge un’utile azione anti acidità se bevuta a digiuno.

Uliveto è un’acqua ricca di calcio biodisponibile, utile per la salute delle ossa

Il calcio contenuto in Uliveto viene subito assorbito dall’intestino e quindi metabolicamente utile con una biodisponibilità pari a quella del calcio contenuto nel latte. L’acqua Uliveto può, quindi, contribuire all’integrazione dell’apporto di questo prezioso minerale, in tutte quelle condizioni in cui l’organismo sia esposto a un concreto rischio di inadeguato apporto di calcio come negli atleti, nei regimi alimentari ipocalorici, nelle intolleranze al latte e ai suoi derivati, in gravidanza e negli anziani

Uliveto è ricca di minerali utili per la re-idratazione prima, durante e dopo lo sport

È adatta a tutti gli sportivi, siano essi amatoriali, dilettanti o professionisti. L’acqua Uliveto risponde alle esigenze nutrizionali di chi fa attività fisica, reintegrando la quota idrico-salina persa durante la sudorazione (soprattutto il sodio) e corregge la tendenza all’acidosi.

Uliveto contribuisce al mantenimento di un fisiologico stato di salute.

Un’acqua che favorisce la digestione e l’assimilazione dei cibi ingeriti, una migliore funzionalità intestinale, che apporta minerali importanti, si può dire che sia anche un’acqua che aiuta, nel tempo, a mantenere l’organismo attivo ed efficiente contrastando il lento procedere dei meccanismi disfunzionali legati all’età.