Skip to content

Curiosità, consigli e approfondimenti da bere tutti d’un fiato

Uliveto Terme, un territorio da scoprire tra bagni rilassanti e dolci panorami

Uliveto Terme, un territorio da scoprire tra bagni rilassanti e dolci panorami

CURIOSITÀ

Tutte le ricchezze della terra di Toscana

La Toscana è una delle regioni italiane dalla conformazione geografica più fortunata: mare cristallino, lunghe spiagge dorate, montagne e colline lussureggianti. Questo per quanto riguarda la parte della regione universalmente conosciuta; ma anche il sottosuolo gode di altrettanta fortuna, grazie alla presenza di innumerevoli e splendide grotte, seppur meno rinomate, scavate nei millenni dall’azione dell’acqua che, in molti punti, sgorga in superficie, carica di preziosi minerali e microelementi benefici. 

Uliveto Terme, piccola frazione del comune di Vicopisano, in provincia di Pisa, è uno di questi luoghi magici e salubri, rinomata da secoli per la fonte termale di acqua bicarbonato-alcalino-ferrosa, originariamente sfruttata per la cura di alcune malattie della pelle, e in seguito divenuta famosa grazie alle sue proprietà coadiuvanti della digestione.

Un’origine antica

Le prime testimonianze scritte in cui si fa cenno a un “Bagno Antico” in questa zona, risalgono al Medioevo, e sono riportate dallo storico emiliano del Seicento, Ludovico Antonio Muratori (1672-1750), in un suo scritto in cui fa riferimento alla chiesa di San Martino di Noce, probabilmente la più antica del paese, caratterizzata dall’architettura in stile romanico e risalente all’VIII secolo.

Antichissima è dunque la vocazione termale di Uliveto (il cui nome in origine era Oliveto), la quale vide nell’Ottocento il fiorire di una vera e propria attività economica legata alle sue acque salutari: non più soltanto il rituale della balneazione, ma anche l’imbottigliamento di queste. Le prime bottiglie di acqua proveniente da questa fonte furono messe in commercio dagli allora proprietari del primo stabilimento, la Famiglia Grassi Marinai, e un po’ per volta cominciarono a diffondersi tanto che, alla fine del secolo, il paese divenne una delle mete del turismo termale europeo. Il primo impianto di imbottigliamento di tipo prettamente industriale vide invece la luce nel 1910 e da allora è stato un successo.

Uliveto e dintorni

Oggi, il Parco termale di Uliveto Terme è un luogo ricco di fascino, con alberi secolari, deputato al benessere e al relax, ma anche all’organizzazione di eventi, complice la suggestiva cornice in cui è immerso, incastonato tra le verdi colline pisane, della cui vista è possibile godere mentre si è a bagno nella vasca termale in cui l’acqua rinfranca il corpo a temperature che non superano i 34 °C.

Dopo una giornata rigenerante al parco, non può mancare un giro per il caratteristico borgo medievale di Vicopisano, palcoscenico di incantevoli manifestazioni e rievocazioni storiche, e nelle zone circostanti, dove non mancano tipiche trattorie di cucina casalinga, dove assaporare tutta la toscanità della zona, accompagnata da un buon vino e dall’immancabile acqua Uliveto.

Leggiamo insieme l’etichetta

Conosciamo le caratteristiche dell’acqua che beviamo, per capire se è quella giusta per noi.
Leggendo l’etichetta, scopriamo che Uliveto è un’acqua: mediamente mineralizzata, il suo residuo fisso è di 741 mg/l bicarbonato-alcalino-calcica, ricca sia di bicarbonato (578 mg/l) che di calcio (175 mg/l).

Effervescente naturale
Ciò significa che i minerali contenuti sono perfettamente bilanciati tra loro e svolgono attività biologiche utili 
al generale benessere dell’organismo, soprattutto 
nel trattamento dei disturbi gastrointestinali.

Uliveto è un’acqua bicarbonata, che aiuta la digestione e combatte la stipsi

Se bevuta durante i pasti accelera lo svuotamento gastrico e svolge un’utile azione anti acidità se bevuta a digiuno.

Uliveto è un’acqua ricca di calcio biodisponibile, utile per la salute delle ossa

Il calcio contenuto in Uliveto viene subito assorbito dall’intestino e quindi metabolicamente utile con una biodisponibilità pari a quella del calcio contenuto nel latte. L’acqua Uliveto può, quindi, contribuire all’integrazione dell’apporto di questo prezioso minerale, in tutte quelle condizioni in cui l’organismo sia esposto a un concreto rischio di inadeguato apporto di calcio come negli atleti, nei regimi alimentari ipocalorici, nelle intolleranze al latte e ai suoi derivati, in gravidanza e negli anziani

Uliveto è ricca di minerali utili per la re-idratazione prima, durante e dopo lo sport

È adatta a tutti gli sportivi, siano essi amatoriali, dilettanti o professionisti. L’acqua Uliveto risponde alle esigenze nutrizionali di chi fa attività fisica, reintegrando la quota idrico-salina persa durante la sudorazione (soprattutto il sodio) e corregge la tendenza all’acidosi.

Uliveto contribuisce al mantenimento di un fisiologico stato di salute.

Un’acqua che favorisce la digestione e l’assimilazione dei cibi ingeriti, una migliore funzionalità intestinale, che apporta minerali importanti, si può dire che sia anche un’acqua che aiuta, nel tempo, a mantenere l’organismo attivo ed efficiente contrastando il lento procedere dei meccanismi disfunzionali legati all’età.