Skip to content

Curiosità, consigli e approfondimenti da bere tutti d’un fiato

Anche durante l’inverno la corretta idratazione aiuta a sentirsi meglio

Anche durante l’inverno la corretta idratazione aiuta a sentirsi meglio

SALUTE E BENESSERE

Noi “siamo acqua”

In inverno, complice il clima freddo e il fatto che sudare diventa più difficile, potremmo essere indotti a bere meno, tanto più che lo stimolo della sete potrebbe farsi sentire soltanto negli ambienti chiusi, soprattutto se gli impianti di riscaldamento sono regolati a temperature molto alte e in casa l’aria è molto secca. Ma siamo sicuri che solo perché in inverno e non fa caldo il nostro corpo possa non avere bisogno di acqua? Siamo sicuri che questo bisogno dipenda soltanto dalle richieste fisiologiche?

La verità è che le nostre cellule sono formate per circa il 70% circa di acqua. Noi “siamo acqua”, indipendentemente che sia estate o inverno, che faccia caldo o freddo. E quest’acqua dell’organismo va mantenuta in equilibrio costante in qualunque stagione dell’anno, perché solo così possiamo garantire il corretto funzionamento dei nostri apparati.

Acqua per tutti gli apparati

Far funzionare l’apparato digerente in maniera corretta richiede acqua (altrimenti andremo incontro a stitichezza); lo stesso vale per l’urinario, il circolatorio, il muscolo scheletrico, il respiratorio – che oltretutto in inverno viene messo a dura prova diventando più vulnerabile – e perfino per il sistema nervoso, basti pensare ai mal di testa, l’irritabilità e gli sbalzi d’umore che in inverno si presentano con più frequenza che in estate.

A maggior ragione durante la stagione fredda, trascorrere moltissimo tempo al chiuso con l’aria viziata dal calore dei termosifoni, per poi magari uscire al freddo, può mettere a dura prova la nostra salute, e bere è come sempre uno dei primi passi per salvaguardarla.

Coccoliamoci con le buone abitudini

In inverno però, bere adeguatamente può diventare un’utopia, tanto più perché se aspettiamo di avere sete potremmo non bere mai. Ecco perciò che essere informati può aiutarci a darci delle regole e un po’ di disciplina. Prendiamo l’abitudine di bere i nostri due litri di acqua al giorno anche durante i mesi freddi; abituiamoci a bere il primo bicchiere d’acqua come prima cosa appena svegli, a stomaco vuoto: è un ottimo modo per reidratarsi dopo la lunga nottata e per ripulire l’organismo dalle tossine.

Per molti, bere appena svegli la mattina può risultare ostico per i primi tempi, ma è soltanto questione di abitudine: dopo un po’ di tempo non riuscirete più a farne a meno! Portiamo la nostra amica bottiglia sempre con noi e ricordiamoci che a fine giornata, prima di andare a dormire, dovrebbe essere vuota.

Via gli eccessi. Benvenuto buonsenso!

Oltre a bere, possiamo prendere altri accorgimenti per mantenere la giusta idratazione del corpo. Per esempio, possiamo evitare di coprirci troppo: piuttosto, vestiamoci a strati in modo da scoprirci all’occorrenza e disperdere così eventuale calore in eccesso. Questo è tanto più importante per chi pratica sport: tessuti leggeri, non sintetici e traspiranti, ci saranno d’aiuto per non accumulare troppo calore.

Anche l’alimentazione, come sempre, gioca il suo ruolo: in inverno, complici il freddo e le festività, saremo sempre portati a mangiare di più e in maniera più pesante. Se questo avviene ogni tanto, niente di male. Ma cerchiamo di non farla diventare un’abitudine, anche per evitare di accumulare chili in eccesso per poi magari avere la pretesa di smaltirli tutti insieme prima dell’estate. Il buonsenso e la mancanza di eccessi possono essere davvero degli ottimi alleati.

Leggiamo insieme l’etichetta

Conosciamo le caratteristiche dell’acqua che beviamo, per capire se è quella giusta per noi.
Leggendo l’etichetta, scopriamo che Uliveto è un’acqua: mediamente mineralizzata, il suo residuo fisso è di 741 mg/l bicarbonato-alcalino-calcica, ricca sia di bicarbonato (578 mg/l) che di calcio (175 mg/l).

Effervescente naturale
Ciò significa che i minerali contenuti sono perfettamente bilanciati tra loro e svolgono attività biologiche utili 
al generale benessere dell’organismo, soprattutto 
nel trattamento dei disturbi gastrointestinali.

Uliveto è un’acqua bicarbonata, che aiuta la digestione e combatte la stipsi

Se bevuta durante i pasti accelera lo svuotamento gastrico e svolge un’utile azione anti acidità se bevuta a digiuno.

Uliveto è un’acqua ricca di calcio biodisponibile, utile per la salute delle ossa

Il calcio contenuto in Uliveto viene subito assorbito dall’intestino e quindi metabolicamente utile con una biodisponibilità pari a quella del calcio contenuto nel latte. L’acqua Uliveto può, quindi, contribuire all’integrazione dell’apporto di questo prezioso minerale, in tutte quelle condizioni in cui l’organismo sia esposto a un concreto rischio di inadeguato apporto di calcio come negli atleti, nei regimi alimentari ipocalorici, nelle intolleranze al latte e ai suoi derivati, in gravidanza e negli anziani

Uliveto è ricca di minerali utili per la re-idratazione prima, durante e dopo lo sport

È adatta a tutti gli sportivi, siano essi amatoriali, dilettanti o professionisti. L’acqua Uliveto risponde alle esigenze nutrizionali di chi fa attività fisica, reintegrando la quota idrico-salina persa durante la sudorazione (soprattutto il sodio) e corregge la tendenza all’acidosi.

Uliveto contribuisce al mantenimento di un fisiologico stato di salute.

Un’acqua che favorisce la digestione e l’assimilazione dei cibi ingeriti, una migliore funzionalità intestinale, che apporta minerali importanti, si può dire che sia anche un’acqua che aiuta, nel tempo, a mantenere l’organismo attivo ed efficiente contrastando il lento procedere dei meccanismi disfunzionali legati all’età.