Skip to content

Curiosità, consigli e approfondimenti da bere tutti d’un fiato

Idratare l’organismo anche a tavola con cibi freschi e ricchi di acqua

Idratare l’organismo anche a tavola con cibi freschi e ricchi di acqua

SALUTE E BENESSERE

Sappiamo tutti molto bene quanto sia importante mantenere idratato il nostro organismo, bevendo in quantità sufficiente e apportando ogni giorno la giusta dose di liquidi alle cellule e ai diversi apparati. Non si tratta solo di evitare la disidratazione, quanto piuttosto di mantenere sempre ottimale il livello di idratazione; quindi, di non andare in deficit di acqua. Certamente, bevendo i nostri due litri di acqua ogni giorno: parte di questa, possibilmente anche a stomaco vuoto, magari la mattina appena svegli per depurare l’organismo ed eliminare le tossine.

Ma anche attraverso il cibo. È ormai risaputo, e scientificamente riconosciuto che, per quanto possa suonare banale e scontato, “siamo davvero quello che mangiamo”. Partendo da questo assunto, quindi, è anche nel cibo che dobbiamo ricercare l’idratazione, evitando al tempo stesso la disidratazione. Tanto per fare un esempio, potremmo ridurre al minimo tutti gli alimenti troppo secchi (che “asciugano”) o troppo salati (questi ultimi perché trattengono liquidi). Via libera invece a tutti i cibi freschi e ricchi di acqua. Vediamoli insieme.

Tanta frutta e verdura nel piatto

Frutta e verdura, meglio se di stagione, consumate tutti i giorni in ricche quantità sono il primo alleato per mantenerci idratati e in forma, soprattutto se crude. Certo, in inverno è più difficile, e forse anche meno appetibile, consumare le verdure crude, ma i benefici sono innegabili. Potremmo non farci mai mancare un po’ di cruditéssedanocarotefinocchi e ravanelli si gustano volentieri anche in inverno, soprattutto in pinzimonio.

Per chi non ama questa salsa, nessun problema perché esistono svariati tipi di lattuga invernale con i quali preparare ottime e abbondanti insalate; anche il cavolo cappuccio (che generalmente, dopo essere stato fermentato, viene consumato sotto forma di crauti) è ottimo crudo: in Alto Adige non manca mai, magari accompagnato da qualche dadino di speck leggermente rosolato e aggiunto solo alla fine all’insalata; basta condire con un filo di olio, un pizzico di sale e pepe e l’insalata di cavolo cappuccio è pronta. Per chi preferisce la frutta, ma vuole gustarla diversamente, perché non aggiungerla alla nostra insalata? Mele e arance sono l’ideale. Se proprio non ce la facciamo a mangiare le verdure crude, cuociamole in modo leggero, lesse o al vapore e magari consumiamole insieme alla loro acqua di cottura.

Non dobbiamo rinunciare a carne e pesce 

Anche la carne contiene buone quantità di acqua, ma la preparazione è importante. Evitiamo le ricette troppo elaborate, soprattutto evitiamo le cotture troppo lunghe, che fanno perdere i succhi della carne che stiamo per mangiare e che, in linea generale, rendono troppo pesante e saporito un pasto che altrimenti potrebbe essere perfettamente equilibrato. Via libera al pesce, soprattutto quello azzurro, ai molluschi e ai crostacei.

Qualunque sia la vostra scelta, carne o pesce andrebbero sempre accompagnati da un buon contorno di verdure, possibilmente abbondante. Evitiamo invece gli insaccati (contengono troppo sale), ma pensiamo anche che non dobbiamo rinunciare a tutto: basta usare il buonsenso e regalarsi qualche vizio ogni tanto non ha mai fatto male a nessuno. Basta che il vizio non diventi la regola.

Leggiamo insieme l’etichetta

Conosciamo le caratteristiche dell’acqua che beviamo, per capire se è quella giusta per noi.
Leggendo l’etichetta, scopriamo che Uliveto è un’acqua: mediamente mineralizzata, il suo residuo fisso è di 741 mg/l bicarbonato-alcalino-calcica, ricca sia di bicarbonato (578 mg/l) che di calcio (175 mg/l).

Effervescente naturale
Ciò significa che i minerali contenuti sono perfettamente bilanciati tra loro e svolgono attività biologiche utili 
al generale benessere dell’organismo, soprattutto 
nel trattamento dei disturbi gastrointestinali.

Uliveto è un’acqua bicarbonata, che aiuta la digestione e combatte la stipsi

Se bevuta durante i pasti accelera lo svuotamento gastrico e svolge un’utile azione anti acidità se bevuta a digiuno.

Uliveto è un’acqua ricca di calcio biodisponibile, utile per la salute delle ossa

Il calcio contenuto in Uliveto viene subito assorbito dall’intestino e quindi metabolicamente utile con una biodisponibilità pari a quella del calcio contenuto nel latte. L’acqua Uliveto può, quindi, contribuire all’integrazione dell’apporto di questo prezioso minerale, in tutte quelle condizioni in cui l’organismo sia esposto a un concreto rischio di inadeguato apporto di calcio come negli atleti, nei regimi alimentari ipocalorici, nelle intolleranze al latte e ai suoi derivati, in gravidanza e negli anziani

Uliveto è ricca di minerali utili per la re-idratazione prima, durante e dopo lo sport

È adatta a tutti gli sportivi, siano essi amatoriali, dilettanti o professionisti. L’acqua Uliveto risponde alle esigenze nutrizionali di chi fa attività fisica, reintegrando la quota idrico-salina persa durante la sudorazione (soprattutto il sodio) e corregge la tendenza all’acidosi.

Uliveto contribuisce al mantenimento di un fisiologico stato di salute.

Un’acqua che favorisce la digestione e l’assimilazione dei cibi ingeriti, una migliore funzionalità intestinale, che apporta minerali importanti, si può dire che sia anche un’acqua che aiuta, nel tempo, a mantenere l’organismo attivo ed efficiente contrastando il lento procedere dei meccanismi disfunzionali legati all’età.