Skip to content

Curiosità, consigli e approfondimenti da bere tutti d’un fiato

Più calcio per difendersi dall’osteoporosi

Più calcio per difendersi dall’osteoporosi

SALUTE E BENESSERE

C’è un segreto per contrastare l’osteoporosi, processo di indebolimento delle ossa tipico della donna in menopausa. Anticiparla, ritardarne l’arrivo e, una volta che c’è, non permetterle di avanzare. Non è un’impresa impossibile ed un importante aiuto deriva dall’adozione di stili di vita che rinforzano lo scheletro. Ecco quattro semplici ma importanti mosse: svolgere attività fisica, seguire una corretta alimentazione, esporsi al sole (con la dovuta prudenza per non stressare la pelle) e scegliere un’acqua minerale ricca di un buon livello di calcio.

Ma attenzione: l’assorbimento del calcio ha le sue regole. Uliveto ha una concentrazione di calcio pari a circa 200 mg/litro. Studi scientifici pubblicati su riviste internazionali confermano che, a pari quantità di acqua bevuta, concentrazioni più elevate di calcio non ne comportano un assorbimento proporzionalmente maggiore (Böhmer H., Müller H. e Resch KL – Osteoporosis International 2000 – Bacciottini L. e coll. Journal of Clinical Gastroenterology 2004 – Brun Lucas R. e coll. Molecular Food Research 2014). Con i suoi circa 200 milligrammi per litro, altamente assimilabili, Uliveto può dunque contribuire al raggiungimento della quota giornaliera di calcio raccomandata per fornire protezione alle ossa in ogni età. È stato poi sfatato dai ricercatori un persistente luogo comune. A differenza di quanto si crede, la quantità di sodio contenuta nell’acqua minerale non costituisce un ostacolo per l’assorbimento del calcio da parte dell’intestino. Infatti, se i due minerali fossero in contrapposizione, non si spiegherebbe come la natura abbia previsto che siano presenti contemporaneamente in molti alimenti, anche nel latte materno, prima fonte di accrescimento del neonato.

È dunque il calcio il “costruttore” di ossa forti e resistenti. Ogni giorno la donna deve farne scorta, specie dopo i 45-50 anni, l’età femminile più critica. I segnali della menopausa si fanno sentire, le ossa perdono vigore e con l’osteoporosi aumenta il rischio fratture. Ecco perché in questa fase della vita il fabbisogno di calcio sale da 800 a 1.200 mg al giorno.

Ed è importante sapere che l’osteoporosi è un’insidia silenziosa, di cui la gran parte della popolazione non è consapevole nonostante i numeri parlino chiaro: solo una donna su due affetta da osteoporosi sa di esserlo. Stessa mancanza di consapevolezza riguarda un uomo su cinque. (Fonte: www.ministerosalute.gov.it).

Ma difendersi dall’osteoporosi si può: sicuramente attraverso una corretta alimentazione ma anche bevendo acque calciche come Uliveto, il cui contenuto di calcio si assorbe come quello del latte (Bacciottini L. e coll. Journal of Clinical Gastroenterology 2004) e che, in quanto acqua minerale, è priva di calorie.

Leggiamo insieme l’etichetta

Conosciamo le caratteristiche dell’acqua che beviamo, per capire se è quella giusta per noi.
Leggendo l’etichetta, scopriamo che Uliveto è un’acqua: mediamente mineralizzata, il suo residuo fisso è di 741 mg/l bicarbonato-alcalino-calcica, ricca sia di bicarbonato (578 mg/l) che di calcio (175 mg/l).

Effervescente naturale
Ciò significa che i minerali contenuti sono perfettamente bilanciati tra loro e svolgono attività biologiche utili 
al generale benessere dell’organismo, soprattutto 
nel trattamento dei disturbi gastrointestinali.

Uliveto è un’acqua bicarbonata, che aiuta la digestione e combatte la stipsi

Se bevuta durante i pasti accelera lo svuotamento gastrico e svolge un’utile azione anti acidità se bevuta a digiuno.

Uliveto è un’acqua ricca di calcio biodisponibile, utile per la salute delle ossa

Il calcio contenuto in Uliveto viene subito assorbito dall’intestino e quindi metabolicamente utile con una biodisponibilità pari a quella del calcio contenuto nel latte. L’acqua Uliveto può, quindi, contribuire all’integrazione dell’apporto di questo prezioso minerale, in tutte quelle condizioni in cui l’organismo sia esposto a un concreto rischio di inadeguato apporto di calcio come negli atleti, nei regimi alimentari ipocalorici, nelle intolleranze al latte e ai suoi derivati, in gravidanza e negli anziani

Uliveto è ricca di minerali utili per la re-idratazione prima, durante e dopo lo sport

È adatta a tutti gli sportivi, siano essi amatoriali, dilettanti o professionisti. L’acqua Uliveto risponde alle esigenze nutrizionali di chi fa attività fisica, reintegrando la quota idrico-salina persa durante la sudorazione (soprattutto il sodio) e corregge la tendenza all’acidosi.

Uliveto contribuisce al mantenimento di un fisiologico stato di salute.

Un’acqua che favorisce la digestione e l’assimilazione dei cibi ingeriti, una migliore funzionalità intestinale, che apporta minerali importanti, si può dire che sia anche un’acqua che aiuta, nel tempo, a mantenere l’organismo attivo ed efficiente contrastando il lento procedere dei meccanismi disfunzionali legati all’età.