Skip to content

Curiosità, consigli e approfondimenti da bere tutti d’un fiato

Un “percorso benessere” nelle terme del Tirolo

Un “percorso benessere” nelle terme del Tirolo

SALUTE E BENESSERE

Un tempo, nei calendari illustrati, i mesi invernali erano sempre caratterizzati da immagini di paesaggi innevati. Ancora oggi, la neve, le montagne, il relax davanti al fuoco e a una bevanda fumante, o la sensazione di tepore data dallo stare immersi in acqua calda, sono tutti elementi che caratterizzano la vacanza invernale dei sogni. Fortunatamente, esistono molti luoghi in cui possiamo concederci tutto questo, dove è possibile godere di ciò che di magico ha da offrire l’inverno. Tra le località più ricercate e più ricche di atmosfera c’è sicuramente tutta la zona del Tirolo, quell’area montana ricca di calore e fascino a cavallo tra Italia e Austria. Qui, dove le montagne e la neve la fanno da padrone per tutto l’inverno e anche oltre, e dove il freddo degli ambienti esterni crea un connubio perfetto con il calore degli interni, è possibile regalarsi momenti indimenticabili, giornate alternative di montagna sia per chi ama sciare a vuole rilassarsi dopo una giornata sulla piste sia per chi a sciare non ci pensa proprio e vuole invece puntare tutto sul riposo e sulla voglia di riequilibrare corpo e mente.




Rilassarsi tra terme e saune



Il Tirolo è la “capitale” degli stabilimenti termali: non soltanto per la presenza di sorgenti termali naturali, ma anche per quella di stabilimenti costruiti ad hoc, pensati e nati allo scopo preciso di garantire un’esperienza unica, di puro benessere. Nella maggior parte degli stabilimenti, l’attrazione principale sono le grandi piscine interne, ma soprattutto esterne: stare immersi nelle vasche calde, circondati da un paesaggio mozzafiato, innevato e a temperature proibitive è un’esperienza indimenticabile e in grado di donare meravigliosi momenti di relax. Ma in Tirolo, nel rispetto della migliore tradizione nordica, i bagni termali non possono non essere accompagnati da altre attività, in particolare quelle legate alla sauna, qui presente praticamente ovunque. Tutti gli stabilimenti hanno almeno una sauna, ma nella maggior parte queste sono molte di più; e poi bagni turchi e percorsi benessere che prevedono il continuo passaggio da caldo a freddo, uno dei modi migliori per riattivare la circolazione e liberarsi delle tossine.



Bagni al fieno e alle erbe aromatiche



Esistono poi altre attività, dagli idromassaggi ai massaggi hot-stone, dai bagni alle erbe aromatiche ai bagni di fieno. Ma di cosa si tratta esattamente? Il bagno alle erbe aromatiche può essere di diversi tipi: può prevedere l’immersione in una vasca in cui sono state messe in infusione le erbe essiccate (proprio come fosse una gigantesca tisana!), o di un bagno di vapore a base di oli essenziali naturali. Anche i bagni di fieno sono di diverso tipo: dal vero e proprio bagno in una vasca sul fondo della quale è adagiato il fieno, a impacchi di fieno che viene steso su tutto il corpo fino ad avvolgerlo completamente, a bagni di vapore al fieno: qualunque sia la scelta, pare faccia miracoli soprattutto per i dolori. Altre esperienze particolari prevedono l’immersione nel mosto di birra: le essenze del luppolo, del grano, del lievito e del malto rendono la pelle morbidissima e molto liscia; inoltre il lievito – grazie ai suoi micronutrienti (vitamine, amminoacidi, minerali e oligoelementi) – e le proteine del grano stimolano la circolazione sanguigna e il metabolismo dei tessuti.

Leggiamo insieme l’etichetta

Conosciamo le caratteristiche dell’acqua che beviamo, per capire se è quella giusta per noi.
Leggendo l’etichetta, scopriamo che Uliveto è un’acqua: mediamente mineralizzata, il suo residuo fisso è di 741 mg/l bicarbonato-alcalino-calcica, ricca sia di bicarbonato (578 mg/l) che di calcio (175 mg/l).

Effervescente naturale
Ciò significa che i minerali contenuti sono perfettamente bilanciati tra loro e svolgono attività biologiche utili 
al generale benessere dell’organismo, soprattutto 
nel trattamento dei disturbi gastrointestinali.

Uliveto è un’acqua bicarbonata, che aiuta la digestione e combatte la stipsi

Se bevuta durante i pasti accelera lo svuotamento gastrico e svolge un’utile azione anti acidità se bevuta a digiuno.

Uliveto è un’acqua ricca di calcio biodisponibile, utile per la salute delle ossa

Il calcio contenuto in Uliveto viene subito assorbito dall’intestino e quindi metabolicamente utile con una biodisponibilità pari a quella del calcio contenuto nel latte. L’acqua Uliveto può, quindi, contribuire all’integrazione dell’apporto di questo prezioso minerale, in tutte quelle condizioni in cui l’organismo sia esposto a un concreto rischio di inadeguato apporto di calcio come negli atleti, nei regimi alimentari ipocalorici, nelle intolleranze al latte e ai suoi derivati, in gravidanza e negli anziani

Uliveto è ricca di minerali utili per la re-idratazione prima, durante e dopo lo sport

È adatta a tutti gli sportivi, siano essi amatoriali, dilettanti o professionisti. L’acqua Uliveto risponde alle esigenze nutrizionali di chi fa attività fisica, reintegrando la quota idrico-salina persa durante la sudorazione (soprattutto il sodio) e corregge la tendenza all’acidosi.

Uliveto contribuisce al mantenimento di un fisiologico stato di salute.

Un’acqua che favorisce la digestione e l’assimilazione dei cibi ingeriti, una migliore funzionalità intestinale, che apporta minerali importanti, si può dire che sia anche un’acqua che aiuta, nel tempo, a mantenere l’organismo attivo ed efficiente contrastando il lento procedere dei meccanismi disfunzionali legati all’età.