Skip to content

Curiosità, consigli e approfondimenti da bere tutti d’un fiato

A cosa serve idratarsi prima di fare sport?

A cosa serve idratarsi prima di fare sport?

SPORT

Ormai l’esigenza di praticare attività sportiva è entrata stabilmente a far parte della nostra cultura e delle nostre abitudini, anche quelle sociali.

Il 40% degli italiani si dedica allo sport, siano essi professionisti o semplici amatori. Questo interesse per il benessere psico-fisico ha acceso inevitabilmente l’attenzione e la curiosità sul tema dell’alimentazione, intesa non solamente come una necessità o come un piacere, ma anche come una strada per vivere meglio e più a lungo. Da qui l’esigenza di trovare un equilibrio tra sforzo e recupero, tra fatica e relax.

L’attività fisica e sportiva determina un aumento del fabbisogno energetico ed una perdita di acqua e sali minerali da parte dell’organismo sotto forma di sudore. Questi elementi che vanno assolutamente reintrodotti rapidamente.

L’attività metabolica infatti aumenta sia a livello dei gruppi muscolari coinvolti nel gesto tecnico, sia a livello di tutti gli organi e apparati dell’organismo.

Nello sportivo che si allena con continuità e intensamente, l’aumento della temperatura corporea e della sudorazione provocati dal lavoro dei muscoli, sono fenomeni che incrementano sensibilmente il fabbisogno giornaliero di acqua e la quantità da assumere è essenziale al fine di produrre uno stato di idratazione ottimale per sostenere la prestazione atletica e accelerare il processo di recupero.

Perché è così importante bere prima di fare sport?

Durante un’intensa attività fisica si può arrivare a perdere una considerevole quantità di acqua, compromettendo così il risultato sportivo.

Si stima che una perdita di acqua pari all’1% del peso corporeo è in grado di determinare un calo della prestazione fisica di circa il 5%. Perdite di acqua superiori al 5% del peso corporeo comportano il rischio di crampi e sono in grado di determinare una riduzione del 30% della prestazione sportiva!

Perdite idriche maggiori potrebbero comportare rischi ancor più gravi anche per la salute dell’atleta.

È quindi consigliabile idratare costantemente il corpo durante le fasi di allenamento, ma anche prima e dopo.

Cominciare un esercizio sportivo o un allenamento già disidratati è una forte limitazione, perché il battito cardiaco rischia di aumentare troppo in fretta e la temperatura corporea di alzarsi troppo velocemente.

Una scarsa idratazione associata alla pratica sportiva potrebbe compromettere la capacità di completare l’allenamento, con il rischio di danneggiare i tessuti muscolari, accusare crampi, contratture e stiramenti.

È dunque una buona norma bere prima di iniziare un allenamento e bere a piccoli sorsi ogni 15 minuti (senza aspettare lo stimolo della sete!) durante l’attività sportiva, in modo da mantenete ben idratato il corpo.

L’acqua è il primo fra gli integratori in grado di ristabilire le normali condizioni fisiologiche e termiche dell’organismo dopo uno sforzo fisico, ed è bene prediligere un’acqua con caratteristiche chimico-fisiche tali da compensare le perdite saline, la disidratazione indotta dall’evaporazione del sudore e lo stato di acidosi metabolica prodotta dai muscoli (acido lattico!).

Allo stesso tempo è importante che l’acqua sia facilmente “digeribile”, ovvero che assorbirla non comporti uno sforzo eccessivo da parte dell’apparato gastro-intestinale

Acqua Uliveto è indicata per essere adottata dagli sportivi, perché ricca di ioni di bicarbonato che tamponano la produzione di acido lattico, ed ha il giusto contenuto di calcio, elemento fondamentale per il funzionamento muscolare, per la trasmissione dell’impulso nervoso e per il metabolismo del tessuto osseo.

Oltre a tali proprietà, acqua Uliveto ha riconosciute qualità digestive, essenziali per il benessere dello sportivo!

Leggiamo insieme l’etichetta

Conosciamo le caratteristiche dell’acqua che beviamo, per capire se è quella giusta per noi.
Leggendo l’etichetta, scopriamo che Uliveto è un’acqua: mediamente mineralizzata, il suo residuo fisso è di 741 mg/l bicarbonato-alcalino-calcica, ricca sia di bicarbonato (578 mg/l) che di calcio (175 mg/l).

Effervescente naturale
Ciò significa che i minerali contenuti sono perfettamente bilanciati tra loro e svolgono attività biologiche utili 
al generale benessere dell’organismo, soprattutto 
nel trattamento dei disturbi gastrointestinali.

Uliveto è un’acqua bicarbonata, che aiuta la digestione e combatte la stipsi

Se bevuta durante i pasti accelera lo svuotamento gastrico e svolge un’utile azione anti acidità se bevuta a digiuno.

Uliveto è un’acqua ricca di calcio biodisponibile, utile per la salute delle ossa

Il calcio contenuto in Uliveto viene subito assorbito dall’intestino e quindi metabolicamente utile con una biodisponibilità pari a quella del calcio contenuto nel latte. L’acqua Uliveto può, quindi, contribuire all’integrazione dell’apporto di questo prezioso minerale, in tutte quelle condizioni in cui l’organismo sia esposto a un concreto rischio di inadeguato apporto di calcio come negli atleti, nei regimi alimentari ipocalorici, nelle intolleranze al latte e ai suoi derivati, in gravidanza e negli anziani

Uliveto è ricca di minerali utili per la re-idratazione prima, durante e dopo lo sport

È adatta a tutti gli sportivi, siano essi amatoriali, dilettanti o professionisti. L’acqua Uliveto risponde alle esigenze nutrizionali di chi fa attività fisica, reintegrando la quota idrico-salina persa durante la sudorazione (soprattutto il sodio) e corregge la tendenza all’acidosi.

Uliveto contribuisce al mantenimento di un fisiologico stato di salute.

Un’acqua che favorisce la digestione e l’assimilazione dei cibi ingeriti, una migliore funzionalità intestinale, che apporta minerali importanti, si può dire che sia anche un’acqua che aiuta, nel tempo, a mantenere l’organismo attivo ed efficiente contrastando il lento procedere dei meccanismi disfunzionali legati all’età.