Skip to content

Curiosità, consigli e approfondimenti da bere tutti d’un fiato

Come la pallavolo ha rivoluzionato lo sport

Come la pallavolo ha rivoluzionato lo sport

SPORT

La pallavolo nasce negli Stati Uniti nel 1895 e a differenza degli sport allora esistenti, che misuravano la forza attraverso il contatto fisico, questa nuova disciplina puntava tutto sulla prontezza di riflessi e sulla strategia di squadra.

La pallavolo così come la conosciamo oggi, nel nome inglese di “volleyball”, fu introdotta in Europa dai militari americani durante la prima guerra mondiale.

E grazie all’YMCA di Manila, nelle Filippine, questo sport si diffuse velocemente anche in Oriente ed in modo particolare ebbe successo in Cina e Giappone.  

Bisogna però aspettare la fine della seconda guerra mondiale per assistere all’affermazione di questa disciplina agonistica. Nel 1946 nasce in Italia della Federazione Italiana Pallavolo (FIPAV) che oggi, con i suoi 367.000 iscritti, è la seconda federazione sportiva in Italia per numero di tesserati. Il 1964 è stato l’anno in cui la pallavolo divenne uno sport Olimpico.  

Le nazionali che negli anni si sono dimostrate più competitive a livello internazionale sono le squadre asiatiche e dell’Europa dell’Est, Stati Uniti, Russia, Cuba e Cina.

A partire dal 1989 anche le nazionali italiane hanno dato al nostro Paese grandi soddisfazioni, grazie soprattutto alla “Generazione di fenomeni” che ha rappresentato una delle formazioni più forti di tutti i tempi. 

La svolta fu segnata dall’arrivo dell’allenatore Julio Velasco, che rivoluzionò la panchina italiana, portando una nuova visione e una leadership forte. In quell’anno l’Italia si aggiudicò il campionato europeo e i successivi dieci anni furono segnati da tre titoli mondiali consecutivi, tre ori europei, otto World League. L’unico titolo non raggiunto, che gli appassionati che assistettero a quel periodo felice ancora rimpiangono, rimase l’oro olimpico. Ancora oggi le nostre nazionali, maschili e femminili, sono tra le più competitive nel panorama mondiale. 

Dal punto di vista fisico la pallavolo è uno sport caratterizzato da salti, scatti, tuffi e il tipo d’impegno muscolare cambia in base al ruolo di ogni giocatore, che sia centrale, schiacciatore o alzatore. È certamente una disciplina che richiede un costante allenamento per migliorare le qualità neuro-muscolari e garantire la necessaria reattività.

La pallavolo è uno degli sport più amati e praticati al mondo, che unisce le persone in qualsiasi contesto, dalle spiagge alle palestre, a cui basta una palla e una rete per divertirsi e svagarsi. 

Il bello di questo gioco di squadra è il suo valore formativo, educativo, emozionale e fisico. I giocatori infatti si misurano su molti livelli, mettendo in campo anche una forte motivazione e spirito di solidarietà. Uno sport appassionante da praticare e da seguire come spettatori.

Uliveto è partner ufficiale di FIPAV, Federazione Italiana Pallavolo, insieme hanno l’obiettivo di informare anche i più giovani sulla corretta reidratazione, fondamentale nello svolgimento di qualsiasi attività sportiva, agonistica o amatoriale. 


Gli sportivi lo sanno bene, Acqua Uliveto va bevuta PRIMA dell’attività sportiva per scongiurare l’eccessivo dispendio di minerali. Va bevuta DURANTE, poiché, digerita rapidamente grazie alla combinazione di bicarbonati e calcio, riduce la formazione di acido lattico migliorando il funzionamento di tutta la muscolatura. Ed infine va bevuta DOPO, per reintegrare rapidamente i liquidi e i sali minerali persi con la sudorazione e aiuta il recupero muscolare correggendo la tendenza all’acidosi.

Leggiamo insieme l’etichetta

Conosciamo le caratteristiche dell’acqua che beviamo, per capire se è quella giusta per noi.
Leggendo l’etichetta, scopriamo che Uliveto è un’acqua: mediamente mineralizzata, il suo residuo fisso è di 741 mg/l bicarbonato-alcalino-calcica, ricca sia di bicarbonato (578 mg/l) che di calcio (175 mg/l).

Effervescente naturale
Ciò significa che i minerali contenuti sono perfettamente bilanciati tra loro e svolgono attività biologiche utili 
al generale benessere dell’organismo, soprattutto 
nel trattamento dei disturbi gastrointestinali.

Uliveto è un’acqua bicarbonata, che aiuta la digestione e combatte la stipsi

Se bevuta durante i pasti accelera lo svuotamento gastrico e svolge un’utile azione anti acidità se bevuta a digiuno.

Uliveto è un’acqua ricca di calcio biodisponibile, utile per la salute delle ossa

Il calcio contenuto in Uliveto viene subito assorbito dall’intestino e quindi metabolicamente utile con una biodisponibilità pari a quella del calcio contenuto nel latte. L’acqua Uliveto può, quindi, contribuire all’integrazione dell’apporto di questo prezioso minerale, in tutte quelle condizioni in cui l’organismo sia esposto a un concreto rischio di inadeguato apporto di calcio come negli atleti, nei regimi alimentari ipocalorici, nelle intolleranze al latte e ai suoi derivati, in gravidanza e negli anziani

Uliveto è ricca di minerali utili per la re-idratazione prima, durante e dopo lo sport

È adatta a tutti gli sportivi, siano essi amatoriali, dilettanti o professionisti. L’acqua Uliveto risponde alle esigenze nutrizionali di chi fa attività fisica, reintegrando la quota idrico-salina persa durante la sudorazione (soprattutto il sodio) e corregge la tendenza all’acidosi.

Uliveto contribuisce al mantenimento di un fisiologico stato di salute.

Un’acqua che favorisce la digestione e l’assimilazione dei cibi ingeriti, una migliore funzionalità intestinale, che apporta minerali importanti, si può dire che sia anche un’acqua che aiuta, nel tempo, a mantenere l’organismo attivo ed efficiente contrastando il lento procedere dei meccanismi disfunzionali legati all’età.